Home » Innovazione » La birra? Si fa a casa. Ecco il progetto Io Birro

La birra? Si fa a casa. Ecco il progetto Io Birro

Perfetta per le sere d’estate, ottima per accompagnare molti piatti e in grado di soddisfare gusti diversi:  la birra è tutto questo e anche di più. Spesso rappresenta  la “scusa” per eccellenza se si vuole invitare qualcuno fuori ed è gettonatissima per un momento di relax. Quando sono venuta a conoscenza di Io birro, ho subito pensato fosse proprio perfetto per chi, come me, sa apprezzarla nelle sue varianti, anche (e soprattutto) artigianali. Ho quindi contattato Curzio Bartolini, ideatore, insieme a Giuseppe Ureni, di questo elettrodomestico progettato proprio per poter produrre birra tra le mura domestiche.

La startup Io Birro per produrre birra a casa

Un’avventura iniziata per caso

Il progetto che stiamo portando avanti con la nostra startup ‘Io Birro’ è nato quasi per scherzo nel 2009, quando con un mio collega di lavoro abbiamo pensato di automatizzare il lungo e delicato procedimento per farsi la birra a casa” racconta Curzio. Una piccola scommessa che si è presto rivelata più vincente del previsto. “Condividendo le nostre prime esperienze sul sito iobirro.it abbiamo, con sorpresa, iniziato ad avere molte richieste, persino per dei prodotti ‘grezzi’ e senz’altro migliorabili. Ci siamo accorti che ci stavamo muovendo in un nuovo mercato potenziale, in un periodo di boom della birra artigianale: pionieri per caso! Così, dopo averci pensato un po’ e bene, perché sapevamo già che sarebbe stata dura, abbiamo deciso di riprogettare tutto e provare a costruire una gamma di elettrodomestici hi-tech per la birra.” Ovviamente con tanto di brevetto: la startup è nata a luglio del 2015.

Io Birro la startup per produrre birra a casa

Entrambi project manager e progettisti, hanno deciso di usare le loro competenze per realizzare dei prototipi: attualmente stanno lavorando a un “pre-serie”. L’elettrodomestico permette di produrre 20 litri di birra artigianale anche a chi non ha mai provato l’homebrewing: il procedimento è guidato dal display locale e da un’app. “È facendosi la birra in casa che hanno iniziato tutti i mastri birrai” sottolineano i due founder. “La nostra mission è quella di rendere possibile questa bella e gratificante esperienza a tutti. Se è vero che la buona birra si porta già dietro quella inseparabile connotazione di convivialità, far assaggiare la propria birra agli amici accresce enormemente la soddisfazione di questa esperienza: è questo che ci ha sempre stimolato e spronato a semplificare un processo complesso e renderlo alla portata di tutti, in termini di facilità, compatibilità con gli spazi domestici e comodità.”

I piani per il futuro

Un nuovo sito, l’app, il lancio del prodotto e dell’azienda: è questo ciò  cui il team sta lavorando  anche grazie all’aiuto dell’incubatore del Polo Tecnologico a Navacchio (PI). Ancora qualche mese e vedremo Io Birro prendere forma: poi non resta che pianificare le serate con gli amici a base di birra fatta in casa.

 

Seguici sui social

About me

Mari Stardust

Appassionata di cucina e viaggi, scrivo e intanto sogno di assaggiare i piatti di tutto il mondo.
banner michelin days

Post più letti

banner the tasty ways

Facebook

Twitter

Cozze Nieddittas, crema di pane fritto e nuvola di aceto di shiso. By Terry Giacomello https://t.co/rGDyNb4miZ https://t.co/iaiUDJNbZU

Cozze Nieddittas, patate, pane e limone: in cucina chef Marco Martini https://t.co/2Mw30ZFIIE https://t.co/NP21eNwCm0

Spaghetti, polvere di Cozze Nieddittas e profumo di mare: la firma è dello chef è Roy Caceres https://t.co/IdXiRI811p

Cozze Nieddittas, spuma di patate, alghe e riso soffiato: parole e musica dello chef Felice Lo Basso… https://t.co/yW1vyNy2iE

#Sushi da tre stelle Michelin per soli nove coperti: il primato di Araki https://t.co/WsSjWlRQPn https://t.co/zZZORRsRXZ

Load More...