Home » Tendenze » La pasta fresca, colorata e bizzarra di SaltySeattle

La pasta fresca, colorata e bizzarra di SaltySeattle

Se vi chiedessero quale sia il cibo italiano che non manca mai sulle nostre tavole e che impariamo ad amare fin da piccolissimi, cosa rispondereste? Esatto, la pasta fresca o secca. Profuma di “famiglia”, è la grande protagonista di tante cene e tanti pranzi improvvisati, non manca mai nei menù delle grandi occasioni ed è probabilmente il piatto che più ci manca all’estero. Perché la pasta che si mangia in Italia è unica: almeno così la pensiamo probabilmente da sempre. E se vi dicessi che invece c’è chi l’ha resa colorata, particolarissima e anche buona al di fuori dei confini nazionali?

Linda Miller Nicholson è una food writer di Seattle: scrive di cibo, lo studia, ne parla in tv ed è anche vissuta due anni nel nostro paese. Peccato che suo figlio, a cinque anni, proprio non volesse saperne di mangiare ciò che lei preparava. Come se non bastasse, aveva una particolare avversione nei confronti delle verdure. Un giorno allora fece un tentativo: preparò della pasta fresca fatta in casa utilizzando, oltre agli ingredienti tradizionali, anche del cavolo riccio. Il risultato la sorprese: suo figlio la divorò senza alcuna esitazione.

Foto Facebook @TheSaltySeattle
Foto Facebook @TheSaltySeattle

È da allora che Linda si dedica a preparare la pasta utilizzando ingredienti diversi, dandole colori e forme fantasiose. Le sue invenzioni finiscono puntualmente sul suo account Instagram, SaltySeattle, che ha più di venticinquemila seguaci. Uova (delle sue galline), verdure, erbe e il cosiddetto “superfood”, come mirtilli, bacche di goji, melograno, barbiabetole e cacao, ossia tutti quei cibi considerati migliori di altri da un punto di vista nutrizionale.

Buona, bella e naturale

Nessun colorante artificiale e diversi tipi di condimento.  Ed ecco che le lasagne diventano un piccolo arcobaleno, i ravioli sono ricoperti di stelle blu, gli spaghetti alla chitarra diventano verdi e gialli e gli gnocchi hanno un invitante colore viola. E le decorazioni sui diversi tipi di pasta spaziano dai fiori alle fantasie geometriche, dagli emoji ai cuori, dalle bandiere di alcuni paesi ai personaggi famosi dei film. E a volte questa pasta fresca è così bella che diventa quasi un peccato mangiarla!

Pasta fresca_Facebook @TheSaltySeattle

Linda ha dichiarato di ispirarsi a tutto il mondo che la circonda: può essere un abito, una canzone (e allora le note finiranno sulle lasagne), i cartoni animati preferiti da suo figlio. Non c’è limite alla fantasia: per essere sicura di non perdere l’ispirazione, quando è fuori casa porta sempre con sé una rotella tagliapasta e stampini.

A me sembra una bellissima e interessante idea, anche se- a dirla tutta- continuo a preferire di gran lunga la tradizione e i miei “normalissimi” e amatissimi spaghettini allo scoglio! Buoni da far invidia ad un ristorante stellato

Lascia un commento

avatar

Seguici sui social

About me

Mari Stardust

Appassionata di cucina e viaggi, scrivo e intanto sogno di assaggiare i piatti di tutto il mondo.
banner michelin days

Post più letti

banner the tasty ways

Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating application. Application has been deleted.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.

Twitter

Le 5 migliori scuole di alta cucina nel mondo https://t.co/4e5BXWcFCJ https://t.co/Qe6aG3bsWs

4 famose scuole di alta cucina in Italia: trovare lavoro nel settore food https://t.co/owlNB6C8qf https://t.co/qfiqda0rEb

Il Cilento, patria della mozzarella di bufala https://t.co/lWPbK2WbLB https://t.co/ASIUppFr47

Il re della cucina piemontese: il tartufo bianco https://t.co/oFcqD1jIT2 https://t.co/2MDtVGYYfL

Il giro del mondo in 6 ristoranti stellati Michelin https://t.co/qVR3b3iugA https://t.co/ZrQFLMwkfL

Load More...