Home » Varie » Dieta sì, ma preparata dallo chef: è Diet to go
alcuni piatti Diet to go

Dieta sì, ma preparata dallo chef: è Diet to go

Mangiare bene e sano è un po’ l’obiettivo di tutti. Magari con qualche piccolo peccato di gola ogni tanto. Seguire un corretto regime alimentare però a volte non è proprio facile, come non lo è stare a dieta. Ad aiutarci in questi casi è arrivata Diet to go, la startup innovativa che prepara e consegna a domicilio piatti freschi preparati da uno chef e calibrati da un nutrizionista, proprio con l’intento di perdere peso attraverso un’alimentazione equilibrata. Senza, ovviamente, rinunciare al gusto e al piacere del cibo o dover contare ogni singola caloria!

Diet to go foto facebook

I menu prevedono colazione, pranzo, spuntino e cena; il loro costo parte da 29 euro, con l’abbonamento settimanale, fino ai 39. Attualmente sono tre le tipologie disponibili: mediterraneo, con gli ingredienti della cucina tradizionale, che promette di far perdere in media 4 kg in 4 settimane; vegetariano, ovviamente senza carne ma anche senza pesce; detox, che è vegan, gluten free e senza latticini per disintossicarsi in modo graduale. Ogni menu è da 1200 calorie per le donne e 1500 per gli uomini e cambiano ogni giorno.

I piatti strizzano l’occhio anche all’ambiente: sono infatti confezionati in contenitori usa e getta completamente compostabili. Le porzioni, fanno sapere da Diet to go, sono abbondanti e il commento più frequente di chi l’ha provato è “Non sembra di stare a dieta”. Il servizio per ora è disponibile solo a Milano, Monza e hinterland: sempre a Milano il team ha anche inaugurato il primo take away dietetico d’Italia.

Diet to go foto facebook

L’idea piace agli investitori

“Ti aiutiamo a dimagrire gratificandoti con il cibo”: è questo l’obiettivo di Diet to go, praticamente un sogno che si avvera! E questo progetto piace molto anche agli investitori, che hanno puntato sull’idea della  startup: è notizia recente l’aumento di capitale da 430.000 euro sottoscritto dal fondo di venture capital Innogest. Questo permetterà al team di consolidare la piattaforma e potenziare le funzioni di personalizzazione dei menu e di monitoraggio dei risultati.

La famosa dieta- che si inizia sempre il prossimo lunedì– diventa così più semplice. Peccato che l’ingrediente principale-una grande forza di volontà mista a resistenza per combattere le tentazioni -non sia inclusa nei menu!

 

Lascia un commento

avatar

Seguici sui social

About me

Mari Stardust

Appassionata di cucina e viaggi, scrivo e intanto sogno di assaggiare i piatti di tutto il mondo.
banner michelin days

Post più letti

banner the tasty ways

Facebook

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: This IP can't make requests for that application.
Type: OAuthException
Code: 190
Please refer to our Error Message Reference.

Twitter

Le 5 migliori scuole di alta cucina nel mondo https://t.co/4e5BXWcFCJ https://t.co/Qe6aG3bsWs

4 famose scuole di alta cucina in Italia: trovare lavoro nel settore food https://t.co/owlNB6C8qf https://t.co/qfiqda0rEb

Il Cilento, patria della mozzarella di bufala https://t.co/lWPbK2WbLB https://t.co/ASIUppFr47

Il re della cucina piemontese: il tartufo bianco https://t.co/oFcqD1jIT2 https://t.co/2MDtVGYYfL

Il giro del mondo in 6 ristoranti stellati Michelin https://t.co/qVR3b3iugA https://t.co/ZrQFLMwkfL

Load More...